Domenica, Aprile 22, 2018

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

AL VIA I NUOVI CRITERI SEMPLIFICATI DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI

Oggi entrano definitivamente in vigore, con l'emanazione dei provvedimenti attuativi, i nuovi criteri di valutazione di accesso al Fondo centrale di garanzia per le Pmi. Parametri caratterizzati da una maggiore flessibilità e apertura alle aziende e una velocizzazione delle procedure di ammissione. Si tratta di una decisione storica, di un cambiamento significativo frutto della condivisione da parte di tutte le categorie presenti nel Comitato di Gestione del Fondo di Garanzia per le Pmi (strumento recentemente esteso alle imprese artigiane e ampliato con una sezione speciale per il settore dei trasporti): Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie), Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero dell'Economia e delle Finanze, Regioni, Ministero Infrastrutture e Trasporti, Ministero delle Politiche Agricole, ABI, Confartigianato, Confindustria, Confcommercio, Unatras, Confocoperative, Confapi, Cna, Casartigiani. I criteri per l'accesso al credito sono stati aggiornati e rivisti per estendere la garanzia dello Stato anche a quelle aziende sane che hanno subito la crisi, ma che rappresentano un tessuto forte e robusto che farà da leva per la ripresa. Nel dettaglio, queste le novità approvate: semplificazioni procedurali per le richieste di garanzia su operazioni di importo ridotto da parte di imprese start up; ampliamento dell'accesso alle procedure semplificate; aumento dell'importo massimo ammissibile alla procedura cd. di microcredito da 75.000 euro a 100.000 ed estensione anche alle aziende che hanno presentato una perdita in uno degli ultimi due bilanci; modifica dei valori di riferimento, ora più flessibili, di alcuni indicatori per l'ammissione alla garanzia e sostituzione di quelli considerati ormai obsoleti.
L'Osservatorio del Comitato di Gestione, soprattutto per i primi sei mesi della riforma, terrà sotto controllo l'andamento dei nuovi criteri che potranno eventualmente essere perfezionati e ri-tarati tenendo conto, ad esempio, delle differenze che caratterizzano le imprese italiane (dimensionali, settoriali e territoriali).  Compito dell'Osservatorio, infatti, è quello di monitorare costantemente l'andamento del Fondo per disegnare un quadro completo del funzionamento e dell'utilizzo dello strumento da parte delle imprese. Per quanto riguarda il 2009, ecco gli ultimi dati: un aumento delle domande dell'86,4% rispetto allo stesso periodo del 2008, un incremento del 185,8% dei finanziamenti richiesti, dell'87,3% dei finanziamenti accolti, del 109,6% dell'importo garantito. Oltre alla revisione dei criteri, nel 2009 sono state apportate altre importanti novità: l'ampliamento della dotazione a 1,6 miliardi di euro da qui al 2012, l'estensione del Fondo alle imprese artigiane e l'aggiunta di una sezione speciale per il settore trasporti per i quali sono stati versati 50 milioni di euro.

Fonte: Confartigianato

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione