Domenica, Dicembre 17, 2017

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Tomba degli Atleti

La tomba a camera di via Crispi è il maggiore monumento dell'architettura funeraria tarantina di età arcaica (fine VI - inizi V sec. a.C.); fu rinvenuta e scavata in due fasi nel 1917 e nel 1922. Di pianta quadrangolare, era interamente costruita in opera quadrata e pavimentata con blocchi di carparo locale; lo spazio è concepito ad imitazione di un andròn, la sala da banchetto riservata agli uomini nella casa greca di età arcaica, all'interno del quale si trovavano le klinai (letti) addossate alle pareti.

Questa tomba è concepita proprio come una replica di un andròn reale: in stretta analogia con quest'ultimo ritroviamo la porta di accesso fuori asse per agevolare l'alloggiamento dei sette sarcofagi che, come le klinai, sono accostati tutt'intorno alle pareti, a perpetuare nella struttura tombale il tipo di rapporto che identificava in vita i defunti, utilizzando una soluzione simbolica, quella dell'andron, chiaramente allusiva al loro status.
Grazie anche al ricco corredo tombale sappiamo dunque che si trattava di una specie di cappella sociale destinata ad atleti dell'aristocrazia tarantina.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione