Martedì, Maggio 22, 2018

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Manduria

Manduria, "Città dei Messapi" e del "Primitivo", è  situata nel cuore del salento. Fondata dai Messapi, porta ancora numerose testimonianze del suo antico passato, tra le quali le mura megalitiche, circondate dai resti del fossato che circondava la città, e la necropoli. Inizialmente la città era situata leggermente più a occidente, con il nome di Casalnovo, nell'antica Terra d'Otranto. Dopo varie vicissitudini fu distrutta dai Saraceni, e quindi venne rifondata con il nome di Casalnuovo, per poi riprendere il suo antico nome alla fine del XVIII secolo.  Nel 1895, Umberto I re d'Italia, concesse al comune di Manduria, in provincia di Lecce, il titolo di città. Il centro storico di Manduria si sviluppa in una serie di stradine strette e contorte. Tra i monumenti principali che si trovano in questa area vi sono la chiesa Collegiata romanica (Chiesa Madre), il ghetto ebraico di epoca medievale, la torre dell'orologio, palazzi dall'aspetto gentilizio costruiti in varie epoche e tratti dell' antica cerchia muraria messapica. Recentemente alcuni scavi hanno portato alla luce tombe, vasi e monete del periodo romano; ciò è accaduto anche altre volte vista la storia millenaria della città.

Simbolo della città è un pozzo dal quale spunta un albero di mandorle, realmente esistente, e denominato Fonte Pliniano, essendo citato da Plinio il Vecchio.

Nell'area a nord-est della città, a ridosso della chiesa di Sant'Antonio, si trova una vasta zona archeologica, frutto di scavi che hanno portato alla luce numerose tombe di periodo messapico e ampi tratti di mura messapiche, costruite con grandi blocchi di pietra incastrati tra di loro. Da rico rdare anche il Palazzo Imperiali-Filotico. Infatti, sui resti del castello normanno, edificato dopo il 1090 da Ruggero il Normanno, fu concepita una residenza nobiliare per incarico del principe Michele Imperiali, feudatario di Casalnuovo nel 1717. L'edificio rimase incompiuto nell'ala sud-est a causa del decesso del principe e del suo erede. Si tratta di una delle più grandi dimore del regno di Napoli. Nel 1827 il palazzo passò da Federico Imperiali alla famiglia dei Filotico, che lo detiene in larga parte ancor oggi.

Le frazioni principali del comune di Manduria sono Uggiano Montefusco, Campo de' Messapi, San Pietro in Bevagna, Specchiarica e Torre Colimena. San Pietro in Bevagna e Torre Colimena sono delle località balneari, importanti per l'economia del comune. Su tutto il litorale ci sono numerosissime torri di avvistamento come Torre Borraco" o "Burraco" costruita  contro le eventuali incursioni provenienti dal mare (tra cui quelle saracene), situata lungo la costa, ad est del torrente Borraco e ad ovest della frazione San Pietro in Bevagna, realizzata nel 1473.

L'economia di Manduria è basata per la maggior parte sull'agricoltura ed in particolare sulla produzione del vino DOC Primitivo e dell'olio DOP. Il Primitivo, prodotto solo in questa zona, famosissimo in tutto il mondo.

La Fiera Pessima è una fiera campionaria di carattere regionale che si svolge in città nel mese di marzo. Dal 1742, anno della sua regia istituzione, ha acquisito con il passare degli anni sempre maggiore importanza, tanto da esser diventato un evento che coinvolge l'intera Italia centro-meridionale. Tratta della produzione agroalimentare, di artigianato, di commercio, di tempo libero e di servizi, e nel corso degli anni ha assunto il carattere di fiera campionaria generale regionale.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione